Come ottenere mi piace su Facebook spendendo il giusto

Ottimizzare campagne facebook

Come ottenere mi piace su Facebook senza spendere un capitale?
Facebook è una piattaforma potentissima che sta aiutando milioni di aziende nel mondo a far conoscere il proprio prodotto, il proprio servizio o la propria idea. E’ sotto gli occhi di tutti la capacità di questo strumento di creare connessioni, condivisioni e interazioni, tanto che moltissime aziende che si occupano di web marketing – come la nostra – che stanno spostando la loro attenzione verso il “Social Media Marketing”  analizzando e approfondendo le dinamiche sociali che si muovono all’interno della piattaforma di Zuckerberg; e visto che il marketing online corre più veloce del pensiero, è di vitale importanza non rimanere indietro: acquisire mi piace è fondamentale e la parola d’ordine è ottimizzare gli investimenti su Google per non sperperare inutilmente denaro.

Come ottenere mi piace su Facebook spendendo il giusto? occhio al target e agli orari
Così come sul resto del web, anche su Facebook ci sono milioni di aziende e professionisti pronti ad acquisire lo status di influencer. Per ottenere più Mi Piace e influenzare la rete è necessario avere una strategia per far arrivare sotto gli occhi dei potenziali clienti la nostra offerta. Le buone regole da seguire per creare una buona Fan Page (e soprattutto mantenerla attiva) sono molte:

  • immagini e video hanno statisticamente molte più possibilità di interazione
  • ogni post che andrai a condividere potrà essere potenzialmente visto da migliaia di persone, attenzione a cosa pubblichi
  • evita di prendere posizioni politiche, sportive e religiose
  • le critiche non vanno contestate ed alle critiche non si risponde con altre critiche
  • pubblica regolarmente e ad orari dove il pubblico di riferimento è attivo: se il target da raggiungere è quello dei teenagers, darà molti più risultati un post pubblicato alle 15:00 piuttosto che alle 10:00 del mattino (quando, si presume, i ragazzi sono in classe a studiare)
  • titolo del post accattivante, usa le parole giuste! Curiosità, invito ad interagire ed emotività sono delle buone basi sulle quali costruire un buon titolo
  • scegli un buon compromesso di pubblicazione: condividere giornalmente è importante per dare continuità di contenuti e non scomparire dal radar dei fan, ma pubblicare troppi post al giorno può infastidire l’utente e provocare il dislike. Il giusto compromesso lo si trova tra 1 e 3 post al giorno, a seconda del settore in cui si opera

Come ottenere mi piace su Facebook ottimizzando al meglio la campagna Ads
Prima di arrivare al nocciolo della questione e svelare i segreti ci come ottenere più mi piace con il minor investimento, bisogna fare una distinzione importante: su Facebook esistono 2 tipi di categorie che possono accogliere i mi piace: le Fan Page aziendali e le Facebook star. I metodi di engagement cambiano sensibilmente ma in comune c’è il fine, lo scopo: vendere, generare contatti e affermare la propria figura, in modo da raggiungere una sorta di stato denominato “influencer”, che altro non è la possibilità di influenzare le decisioni della massa (quindi di tutti i potenziali fan della pagina).

Il web è ormai pieno di stelle, tra Facebook, Instagram ed il pioniere Youtube, sempre più persone riescono a raggiungere l’obbiettivo. Oggi un “Favij” (uno degli Youtubers più famosi in Italia, a soli 20 anni e poco più conta 2.401.073 iscritti e 869.149.957 visualizzazioni su Youtube, almeno nel momento in cui scrivo… aumentano di minuto in minuto!) grazie a questo status riesce a guadagnare più di un parlamentare italiano (c’è chi afferma che solo con le visualizzazioni di Youtube porti a casa cifre vicine ai 50.000 euro lordi al mese) e molte altre persone sono sulla buona strada per eguagliarlo.

Nel caso della Facebook star molto dipende dal contenuto virale che si crea: l’obiettivo è quello di generare più condivisioni possibili con contenuti spesso sopra le righe o grazie ad argomenti “popolari” di grande discussione. Ciò che si deve tenere sempre in considerazione in questo caso è la viralità, la capacità di coinvolgimento che un contenuto può generare. Non c’è una strategia guida da seguire ma una cosa è certa: allo stato attuale, con la grande mole di persone che cercano di intraprende questa “carriera”, non investire neanche un centesimo in marketing equivale a rimanere sommersi sotto metri e metri di polvere di stelle (esplose ancor prima di brillare).

Come ottenere mi piace su Facebook con la minor spesa possibile: questione di target
Una strategia vincente per ottenere tanti mi piace e ridurre le spese al minimo sindacale. Sembra un miraggio, ma in realtà – come tra poco avrai modo di leggere – è puro e semplice Social Media Marketing.

Prima di tutto un chiarimento: spendere poco non significa investire solo 5 euro. Spendere poco significa spendere molto meno di altri per raggiungere migliori obiettivi. Lo strumento che ci permette di spendere i nostri soldi per migliorare la presenza sul social si chiama Facebook ADS.

Come funziona Facebook ADS?
Si accede allo strumento, si impostano i criteri del nostro target (età, sesso, posizione geografica, interessi, etc. etc.) e si imposta il budget giornaliero o totale da dedicare alla campagna. I costi per ogni mi piace possono variare da poche decine di centesimi (diciamo da 0,20) fino a qualche euro (diciamo 2,00), molto dipende dal settore di nostro interesse.

Oltre a poter avviare campagne mirate all’aumento dei mi piace della propria pagina è possibile optare anche su altre soluzioni, come indirizzare le persone sul tuo sito web, incrementare la partecipazione ad un evento, ottenere visualizzazioni sui video etc etc. Tra le tante opzioni, la chiave per salvaguardare “la salute” del nostro portafoglio e generare un’alta percentuale di acquisizione mi piace e interazioni è “metti in evidenza i tuoi post”. Se hai letto i paragrafi precedenti sai già come impostare i tuoi post, quindi mi limiterò a ribadire l’importanza di “colpire” il giusto target di persone, quelle che realmente sono interessate a ciò di cui parli o vendi.

Come ottenere mi piace su Facebook: metti in evidenza i post… conviene di più!
Ora, perché avviare una campagna che mette in evidenza i tuoi post risulterà più economico, vantaggioso e produttivo di una campagna che promuove direttamente la tua pagina? Semplice: i mi piace ai tuoi post possono essere trasformati in mi piace alla tua pagina! In più costano molto meno e generano molte più interazioni di un mi piace diretto attraverso la campagna di promozione della pagina stessa.

Una campagna “metti in evidenza i tuoi post” ti permetterà di far interagire le persone con un post specifico, ciò vuol dire poter creare traffico verso una pagina di vendita, il tuo e-commerce, blog e chi più ne ha più ne metta ti permetterà di trasformare il mi piace al post in un mi piace “doppio” (al post e successivamente alla tua pagina) senza costi aggiuntivi (tra poco ti spiego come fare) ti costa 1/4 e converte di più, generando anche molte più interazioni.

Come funziona? Come si ottiene un mi piace alla pagina dopo averlo ricevuto al post?
Niente di più semplice: basta cliccare sul numero di mi piace ottenuti al post e invitare chi ha apprezzato la nostra condivisione ad apprezzare anche la nostra pagina con un altro bel like! Ho sperimentato personalmente questo metodo ed i risultati sono stati straordinari. C’è da premettere che il target di riferimento usato aveva un tasso di difficoltà piuttosto elevato, ma questa strategia funziona molto bene anche per target con costi di acquisizione “mi piace” più contenuti.

I dati della campagna
Costi 4 volte minori (da 0,40 a 0,10 centesimi per interazione) e tasso di conversione per quanto riguarda il “secondo” mi piace (quello ottenuto invitando chi ha messo mi piace al post a mettere mi piace anche alla pagina) che si aggira intorno al 30%.

Ecco l’esempio pratico sui costi reali.

Metodo “promuovi la tua pagina”
Con 50,00 euro ottengo circa 125 mi piace sulla pagina, ma le interazioni con i post (quindi mi piace al post, condivisioni e click sul link) sono ridotte ai minimi sindacali, si arriva a stento alla doppia cifra

Metodo “metti in evidenza i tuoi post”
Con 50,00 euro ottengo circa 500 interazioni con il mio post. L’interazione con il post non necessariamente equivale al mi piace, potrebbe anche scaturire una condivisione o un click sul link (che comunque non valgono meno di un mi piace!), quindi calcolo una conversione in “mi piace al post” del 35%: in numeri fa circa 140 mi piace al post. Da questo momento ho circa 24 ore per invitare le persone a mettere like anche alla mia pagina, perché “il tempo è tiranno” e per ottimizzare al meglio bisogna intervenire immediatamente!

Continuando con i calcoli, applicando un tasso di conversione basso, diciamo del 30% sopra citato, dai 140 mi piace al post posso ottenere circa 46 mi piace sulla pagina.

Come puoi notare, i mi piace sulla pagina sono minori rispetto alla prima soluzione, ma bisogna calcolare un fattore importante: le condivisioni!

Se solo una percentuale del 35% ha generato “mi piace sul post”, il restante 65% ha generato altre interazioni, compreso appunto le condivisioni, che aumentano le interazioni, perché ci permettono di raggiungere tante altre persone che potenzialmente potrebbero cliccare mi piace, sia al post, sia alla tua pagina.

Con l’entrata in gioco delle condivisioni, azzardare delle percentuali di conversione risulta troppo avventato, ma il risultato della campagna che stiamo analizzando parla chiaro: 130 mi piace ottenuti sulla pagina con la campagna “metti in evidenza i tuoi post”, contro i 125 del metodo diretto. La differenza sostanziale?

Oltre a generare qualche like in più, con lo stesso budget della campagna “promuovi la tua pagina” , ho ottenuto:
500 interazioni totali con il post originale (quello condiviso inizialmente, senza contare le interazioni ottenute dalle condivisioni degli utenti)
130 mi piace alla pagina (direttamente dal post e indirettamente dalle condivisioni generate, per un totale medio di 0,38 cent. per mi piace)
12 condivisioni del post
200 mi piace al post originale
intorno ai 100 click sul link del post
25 commenti al post

Come ottenere mi piace su Facebook spendendo il giusto – considerazioni finali
I mi piace alla nostra pagina si ottengono generando interazione! Acquisire mi piace diretti può essere una soluzione, ma per mantenere alto il “valore” della pagina occorre generare commenti, condivisioni, mi piace sui post e via dicendo. L’algoritmo di Facebook che valuta la nostra pagina, tiene in considerazione tutti questi elementi: avere 5000 mi piace alla pagina ma nessuna o poche interazioni sui post è controproducente, anche agli occhi attenti dell’utente che ci fa visita!

Per questo motivo precedentemente ho sottolineato l’importanza del target: le campagne devono essere più targetizzate possibile, in quanto un utente veramente interessato a ciò che offriamo sarà molto più propenso a condividere, commentare… interagire!

In definitiva, l’importante su Facebook non è solo avere tanti like alla pagina, ma generare anche tante interazioni e con una campagna sui post si possono ottenere entrambe le cose!

Spero di essere stato utile con questa case history personale: spesso mi domandano “come avere tanti mi piace su Facebook?”, la verità è che bisognerebbe domandare “come avere tanti mi piace su Facebook e mantenere un buon numero di interazioni?”… Buona condivisione!